Catanzaro

A rischio il
nuovo depuratore

Il progettista Colosimo scrive al sindaco avendo appreso che la Regione non concederà altre risorse. «L’opera non è realizzabile e il finanziamento statale potrà essere perso».

depuratore catanzaro

È a rischio il nuovo depuratore, l’opera forse più attesa dai residenti di Lido e della città tutta, penalizzati dal duplice disagio dell’odore nauseabondo sprigionato dall’attuale impianto di località Verghello, assolutamente obsoleto e inadeguato, e dal mare inquinato dagli scarichi fognari che non vengono filtrati. La fosca prospettiva emerge senz’ombra di dubbio dalla lettera che il progettista del costruendo nuovo impianto, ing. Stefano Colosimo, ha scritto nei giorni scorsi al sindaco Sergio Abramo e all’assessore ai Lavori pubblici, Vincenzo Belmonte, avendo «appreso informalmente e telefonicamente che la Regione non avrebbe altri fondi da dedicare alla città di Catanzaro». Per realizzare il nuovo depuratore, infatti, le risorse stanziate non bastano e bisogna reperire almeno altri otto milioni di euro. Questa circostanza è stata confermata a Colosimo nel corso di una riunione tenutasi il 17 ottobre negli uffici del Dipartimento regionale Politiche dell'Ambiente, alla quale lo stesso progettista ha preso parte accompagnato dagli economisti Antonio Gigliotti e Roberto Galiano, redattori per suo conto dello studio economico-finanzario del progetto in corso di completamento

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi