Napoli

Primarie, respinto
ricorso di Bassolino

Alta tensione a Napoli alla riunione della commissione di garanzia delle primarie del centrosinistra che si è conclusa con la bocciatura del ricorso presentato da Antonio Bassolino. Ricorso respinto con 8 voti a 1.

Primarie, respinto  ricorso di Bassolino

 L'unico voto contrario è stato di Fabio Benincasa, rappresentante di Centro Democratico.  "Abbiamo verificato i verbali e abbiamo ufficialmente proclamato Valeria Valente quale vincitrice delle primarie a Napoli", ha detto Giovanni Iacone, presidente della commissione:  "Valente è quindi la candidata della coalizione di centrosinistra".

Poco prima della decisione, Vincenzo Serio e Antonio Giordano, i due rappresentanti nella commissione di garanzia vicini alle posizioni di Antonio Bassolino, hanno lasciato polemicamente la riunione della commissione di garanzia. "Ci troviamo di fronte a una sentenza preconfezionata sul ricorso e non ci prestiamo a una farsa", hanno affermato parlando con i giornalisti all'esterno della stanza. "Non lo discutiamo inutilmente per poi farcelo dichiarare illegittimo, perché sarebbe arrivato dopo i termini, per un cavillo, insomma", ha detto Serio, che ieri aveva presentato il ricorso di Bassolino contro le primarie. Ed ha aggiunto: "Noi ci rifiutiamo di partecipare a una discussione formale davanti a un disastro che si sta verificando in questa città", ha aggiunto Serio.

Pier Luigi Bersani critica le prese di posizione contro il ricorso di Antonio Bassolino sull'esito delle primarie di Napoli: "E' irrituale che ci siano stati pronunciamenti di esponenti dell'esecutivo del partito prima della commissione di garanzia. A prescindere dagli esiti, non ci dovrebbero essere queste sgrammaticature e bisogna entrare nel merito perchè c'è un problema politico gravissimo: il disagio dei nostri elettori". 

A chiedere un pronunciamento dell'organo di garanzia nazionale, è Gianni Cuperlo: "Ho rispetto per gli organi di garanzia del nostro partito ma di fronte all'esito della vicenda di Napoli, con il respingimento del ricorso, si pone un tema che è la necessità di superare la giurisprudenza domestica, che viene esercitata in una logica di partito locale laddove i membri sono espressione delle correnti da giudicare".  "Sarebbe opportuno - propone - affrontare il tema davanti all'organismo di garanzia nazionale".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi