Turchia

Autobomba contro soldati
nel centro di Ankara

Almeno 28 morti e 61 feriti. Le immagini delle tv turche mostrano una densa colonna di fumo. La deflagrazione nei pressi di un complesso militare

Autobomba contro soldati nel centro di Ankara

Sono almeno 28 le vittime dell'esplosione di un'autobomba avvenuta stasera nel centro di Ankara, al passaggio di un convoglio militare. Lo ha detto il vicepremier e portavoce del governo turco, Numan Kurtulmus, spiegando che tra i morti "probabilmente ci sono anche civili" e confermando il bilancio di 61 feriti.

Lo ha detto il ministro della Salute turco, Mehmet Muezzinoglu. Un vertice sulla sicurezza è in corso nella residenza di Ankara del presidente Recep Tayyip Erdogan con il premier Ahmet Davutoglu e i vertici militari.

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha espresso le proprie condoglianze al governo turco a seguito dell'attentato che si è verificato nel pomeriggio ad Ankara con un bilancio di decine di morti.

Censura per tv su immagini esplosione - L'autorità radiotelevisiva turca (Rtuk) ha imposto un divieto di trasmissione delle immagini dell'esplosione dell'autobomba. Lo riportano media locali. Misure analoghe di censura sono prese spesso dalle autorità turche in occasione di attacchi terroristici.

La forte esplosione è avvenuta nel centro di Ankara, capitale della Turchia, a 300 metri da Parlamento e quartier generale dell'esercito. Le immagini delle tv turche mostrano una densa colonna di fumo che si leva da edifici nel centro. Una ventina di ambulanze sono state inviate sul luogo. Cnn Turk, citando fonti dell'ufficio del governatore locale,  parla di un'autobomba fatta esplodere al passaggio di un mezzo che trasportava soldati nei pressi di un complesso militare nella zona centrale di Kizilay, cinque vittime e dieci feriti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi