L'annuncio di Mentana

Santoro approda a La7
con "Servizio Pubblico"

Santoro approda a La7. Dopo una lunga trattativa, l'annuncio delle 'nozze tv' tra il giornalista e l'emittente televisiva è arrivato a sorpresa questa sera. A darlo Enrico Mentana in diretta in coda al telegiornale delle 20.

Santoro approda a La7
con "Servizio Pubblico"
Santoro approda a La7. Dopo una lunga trattativa, l'annuncio delle 'nozze tv' tra il giornalista e l'emittente televisiva è arrivato a sorpresa questa sera. A darlo Enrico Mentana in diretta in coda al telegiornale delle 20. Come un anno fa, quando la conclusione della trattativa sembrava ad un passo e invece poi saltò, tra le polemiche e i battibecchi tra i due. "Michele Santoro - ha annunciato davanti alle telecamere Mentana - e La7 hanno firmato. Già una volta diedi questa notizia e non andò bene, ma questa volta ho verificato e posso dire che nella prossima stagione il programma 'Servizio Pubblico' andrà in onda su questa rete". Tramonta così l'ipotesi di un ritorno in Rai e quella, che sembrava più probabile, di un passaggio a Sky che aveva ospitato il talk show sui canale Eventi Sky Tg24, 100 e 500 nei mesi scorsi.

"Io ero favorevole a che lui venisse già prima - aveva detto tempo fa Mentana -. Ci sono professionisti che creano credibilità e ascolto e Santoro è uno di questi. Il suo apporto può significare per la rete un valore aggiunto".

Secondo le indiscrezioni che si erano rincorse nei giorni scorsi, Telecom Italia Media, l'azienda guidata fino a qualche giorno fa da Giovanni Stella, nonostante le difficoltà economiche e l'annuncio della vendita dell'emittente da parte di Telecom Italia, avrebbe offerto al giornalista una cifra notevole per il programma di approfondimento che dovrebbe alternarsi per periodi diversi il giovedì sera con 'Piazzapulita' di Corrado Formigli, il quale si era già detto 'contento' della possibile concorrenza. I dettagli si sapranno domani, durante la presentazione, a Milano, dei palinsesti di La7 per la prossima stagione, un appuntamento al quale potrebbe intervenire anche Santoro.
Santoro torna così in televisione, dopo la positiva esperienza della multipiattaforma tv, web e radio dove si era rifugiato con 'Servizio Pubblico' alla rottura della trattativa con La7, dovuta alla richiesta dell'azienda di verificare il lavoro della redazione prima della messa in onda. Il giornalista, che ha sempre rivendicato autonomia e libertà, non esitò a chiudere e a tentare strade nuove. "E' stato come lavorare in mare aperto, una cosa non facile, ma che ti dà le tue soddisfazioni - aveva dichiarato parlando della nuova esperienza -. Quando siamo partiti potevamo fare quattro puntate con i soldi che avevamo. Invece abbiamo trovato le forze sul mercato per farne molte altre attingendo ai fondi che avevamo raccolto grazie alla campagna tra la gente".

Nelle ultime settimane, Santoro ha fatto parlare di sé anche in relazione alla vicenda dei vertici Rai, lanciando la sua candidatura a direttore generale, in ticket con Carlo Freccero presidente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi