salute

Virus Zika, quattro casi in Italia

Quattro turisti italiani rientrati dal Brasile nella primavera del 2015 avrebbero contratto il virus che causa malformazioni nei neonati

Virus Zika, quattro casi in Italia

Quattro casi di contagio da virus Zika si sono registrati in Italia. Si tratta, spiega all'ANSA il direttore scientifico dell'Istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani, Giuseppe Ippolito, ''di 4 italiani che rientravano dal Brasile ed i casi si riferiscono alla Primavera 2015. Tre pazienti sono stati trattati allo Spallanzani di Roma ed uno a Firenze. Attualmente, stanno bene''. Il virus - che genera malformazioni nei neonati - ha colpito 22 Paesi in America Latina e la Gran Bretagna (con 3 casi segnalati).

''Esiste il rischio che il virus Zika, collegato a gravi patologie nei neonati come la microcefalia, possa trasmettersi per via sessuale. E' al momento un'ipotesi, ma il rischio esiste''. Ad affermarlo è il direttore scientifico dell'Istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito. ''Nella Polinesia francese - spiega l'esperto - è stato documentato un caso di possibile trasmissione del virus Zika per via sessuale, poichè il virus è stato rilevato nello sperma di un paziente. E' un'ipotesi, ma il rischio è reale''. Ippolito invita comunque ad evitare gli ''allarmismi'', ricordando che questo virus è trasmesso dalla puntura delle zanzare del genere Aedes, che non sono presenti in Europa, mentre non c'è evidenza di trasmissione da uomo a uomo. Al momento, sottolinea, ''le raccomandazioni riguardano soprattutto le donne incinte, che dovrebbero evitare di recarsi nelle zone a rischio, e sono relative ai paesi dell'America Latina dove il virus è circolante''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto