unioni civili

Pronta la mobilitazione
in 40 città italiane

Sabato 23 la manifestazione per chiedere a Parlamento e Governo di accelerare l'iter per il riconoscimento delle unioni civili.

Pronta la mobilitazione in 40 città italiane

"Sono già 40 le città mobilitate per scendere in piazza il prossimo 23 gennaio": ne dà notizia Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay. "Da quando venerdì scorso abbiamo lanciato, assieme alle altre associazioni lgbt, l'appello a Parlamento e Governo per l'uguaglianza delle coppie formate da persone dello stesso sesso, una dopo l'altra sono cominciate ad arrivare le adesioni". Tra le città principali che hanno confermato le manifestazioni, Ancona, Aosta, Bari, Bologna, Bolzano, Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Roma, Torino, Trento, Trieste. In piazza gli attivisti e le attiviste porteranno con sé orologi e sveglie, per suonare concretamente la sveglia a un Paese che attende da troppo tempo il riconoscimento dei diritti delle persone lgbt. "In queste ore - prosegue Piazzoni - apprendiamo dell'ulteriore slittamento della discussione in aula del ddl sulle unioni civili. Un fatto che è ormai una consuetudine nel dibattito parlamentare su questo tema, ma che non intacca la nostra determinazione: il 28 gennaio con occhi e orecchie ben aperti presidieremo il dibattito dell'aula. Nessun passo indietro dovrà essere fatto rispetto all'attuale proposta di legge, perché tanti sono i passi in avanti che il nostro Paese deve ancora compiere per tagliare il traguardo dell'uguaglianza" conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi