VENEZIA

L'addio a Valeria Solesin
in migliaia ai funerali

Venezia ha dato l'ultimo saluto alla giovane ricercatrice uccisa negli attentati di Parigi. Il presidente della comunita' islamica di Venezia: 'Non uccisa per nostro Dio'.

L'addio a Valeria Solesinin migliaia ai funerali

Padre, esempio giovani che non si arrendono - ''Qualcuno ci ha detto in questi giorni che la nostra famiglia ha rappresentato un esempio di compostezza e dignità quasi che noi potessimo significare un esempio per molti. Se questo e' appena lontanamente vero, dico che questo era dovuto e dedicato a tutte le Valerie e Andrea che lavorano, studiano, soffrono e non si arrendono''. Lo ha detto il papà di Valeria Solesin, Alberto, parlando durante i funerali della figlia.

Comunità islamica, non uccisa per nostro Dio - "Valeria è come se fosse una nostra figlia. Siamo presenti oggi per dire che non è stata uccisa in nome del nostro Dio ne in nome della nostra religione, ne in nostro nome". Lo ha detto il presidente della comunità islamica di Venezia, Mohamed Amin Al Ahdab, mentre si sta recando in Piazza San Marco dove si celebreranno tra poco i funerali di Stato di Valeria Solesin. "Siamo presenti in piazza in questo funerale - ha aggiunto - per stare vicini, per solidarietà, per condividere con la città amori e dolori. Questo è un fatto che ci addolora veramente tantissimo".

Striscione in piazza, 'angelo nel cielo' - Sui pennoni davanti alla Basilica di San Marco, in piazza a Venezia dove a breve si terranno i funerali di Valeria Solesin, sono esposte a mezz'asta il tricolore italiano e la bandiera europea. Mentre sulle transenne della piazza è stato esposto un grande striscione bianco con la scritta 'Ciao Valeria, figlia nostra angelo nel cielo'. I lati a sinistra e a destra della Basilica rimangono per ora allagati dalla marea e questo sta rallentando l'afflusso delle persone che parteciperanno alle esequie.Piazza presidiata da forze ordine  - Piazza San Marco - dove si attende l'inizio dei funerali di Valeria Solesin - è presidiata da un folto cordone di forze dell'ordine. La situazione sul fronte della sicurezza appare del tutto tranquilla. Uomini di polizia e carabinieri spuntano anche dai tetti dei palazzi dell'area Marciana, per controllare la zona dove si terrà la cerimonia funebre. L'accesso all'area di San Marco è regolato da stretti varchi nei quali gli uomini della sicurezza controllano l'afflusso delle persone utilizzando anche i metal detector. ( A.A.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi