New York

Effetto Parigi su Usa 2016, scontro su Isis e rifugiati

Sanders attacca Hillary su lotta al terrorismo e Wall Street

Effetto Parigi su Usa 2016, scontro su Isis e rifugiati

"Effetto Parigi" su Usa 2016. Il tema della lotta al terrorismo irrompe prepotentemente nella campagna elettorale americana e domina il dibattito dei candidati democratici andato in onda a poco più di 24 ore dalla strage nella capitale francese. E la corsa alla Casa Bianca rischia di essere stravolta da un tema che divide destra e sinistra, ma che infiamma la discussione anche tra i Dem. Con Hillary Clinton che 'corregge' Barack Obama: "L'Isis non può essere contenuto, va sconfitto". Nel mirino ci sono quelle che, col senno di poi, si sono rivelate affermazioni incaute da parte del presidente americano, che poche ore prima gli attacchi nella capitale francese aveva spiegato in un'intervista come l'avanzata dello stato islamico è stata oramai contenuta. Parole che gli sono valse l'attacco innanzitutto dei candidati repubblicani, che accusano la Casa Bianca di una strategia troppo molle in Siria e in Iraq. Così, da Jeb Bush a Marco Rubio, chiedono una svolta immediata di fronte a quello che l'ex governatore della Florida definisce "uno sforzo organizzato per distruggere la civiltà occidentale". E se da un lato nella desta si fa sempre più insistente la richiesta di un maggior coinvolgimento militare in Iraq e Siria, anche con l'invio di più soldati, dall'altro Donald Trump e Ben Carson, in testa nei sondaggi repubblicani, chiedono anche di bloccare la prevista accoglienza negli Stati Uniti di 10.000 rifugiati siriani il prossimo anno. Ipotesi che i tre candidati democratici in corsa per la presidenza rigettano con forza, con l'ex governatore del Maryland, Martin O'Malley, che chiede anzi di portare il numero ad almeno 65 mila. Ma sul palco della Duke University di Des Moines, in Iowa (lo stato da dove partiranno le primarie), sono scintille in diretta tv tra Hillary Clinton e Bernie Sanders, come mai visto finora. Stavolta il 'socialista' Bernie fa sul serio e attacca l'ex first lady che da senatrice votò per l'intervento in Iraq, che lui considera l'origine di tutti i mali, dalla nascita di al Qaida a quella dell'Isis. A Hillary rinfaccia anche di esserci ricaduta col suo assenso all'intervento contro il regime Gheddafi in Libia. Lei però si difende cercando di far prevalere la sua esperienza da ex segretario di stato e una visione più complessiva del quadro internazionale. E se Sanders ribadisce il suo netto no all'interventismo, Hillary non esclude l'uso della forza militare, ma solo come ultima risorsa, dando la priorità alla diplomazia. "Ma non può essere solo una battaglia dell'America", ammonisce. Non parla mai di "terrorismo islamico" Hillary, come Obama, attirandosi le ire di Trump e di tanti repubblicani che commentano in diretta su Twitter. "Non siamo in guerra con l'Islam, con i musulmani", replica l'ex first lady. Ancor più duro lo scontro con Sanders su Wall Street. Il senatore l'accusa di aver costruito la sua carriera politica sempre col sostegno dei grandi finanziatori: "E' una campagna elettorale corrotta", attacca. "Stai mettendo in dubbio la mia integrità", ha replicato stizzita Hillary, spiegando come da sempre riceve molti finanziamenti dai 'big donor' perché da senatrice ha contribuito alla ricostruzione di Wall Street dopo gli attentati dell'11 settembre 2001: "Rappresentavo New York, e ricostruire Wall Street e' stato un bene per New York e per l'America intera". L'impressione è che da questo secondo dibattito una Hillary sotto attacco sia però uscita indenne. (ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto