Moda

Rinasce la maison
Schiaparelli: cercasi
nuovo stilista

Per ora c'è la maison, proprio al 21 di place Vendome, dove era la sua sede storica: tre interi piani, con uffici, atelier e show room, appena rimessi a nuovo, con quel sapore decorativo e surrealista che piaceva a lei, a Elsa Schiaparelli, la stravagante sarta italiana amata in Francia e ormai celebrata ovunque.

Rinasce la maison
Schiaparelli: cercasi
nuovo stilista

Farida Khelfa e Diego Della Valle

Per ora c'é la maison, proprio al 21 di place Vendome, dove era la sua sede storica: tre interi piani, con uffici, atelier e show room, appena rimessi a nuovo, con quel sapore decorativo e surrealista che piaceva a lei, a Elsa Schiaparelli, la stravagante sarta italiana amata in Francia e ormai celebrata ovunque. A girare per le stanze appena inaugurate, ci si aspetta di vederla comparire e dare ordini. Ma a regnare su questo spazio di 800 metri quadrati, è invece un'altra signora, che ha sempre ammirato la grande Elsa e che, in fondo, le assomiglia per determinazione, stravaganza e passione per la moda: Farida Khelfa, elegantissima cinquantenne di origini algerine, alta e sottile come un giunco, ex top model e musa di Azzedine Alaia e di Jean Paul Gaultier, è stata scelta da Diego Della Valle (che nel 2007 ha rilevato marchio e archivio di Elsa Schiaparelli) per rappresentare la maison, fare la sua ambasciatrice, farla conoscere e amare nel mondo.

 Lei, con un passato anche di attrice e un presente di regista e produttrice, realizzerà presto un film sulla Schiap, come a Parigi chiamavano l'estrosa sarta italiana, scomparsa nel 1973. Per ora Farida si gode il ruolo di novella musa della griffe, in attesa che si mettano a posto tutte le tessere del mosaico, innanzitutto quella dello stilista destinato a rilanciare lo stile della maison: "Il nome - spiega la signora - dovrebbe essere annunciato all'inizio di ottobre e la prima collezione dovrebbe essere pronta per l'alta moda di gennaio". Il progetto infatti è ambizioso: "ricostruire una maison piccola e lussuosa, qualcosa che non esiste più, per fare un'alta moda collegata alla modernità e all'arte, fuori dagli schemi ormai standardizzati della couture e dei suoi ritmi". Diego Della Valle spiega di aver voluto acquistare Roger Vivier prima e Schiaparelli poi, perché si tratta di " due griffe piene di cultura estetica, fondate da veri artisti che avevano come obiettivo il meglio fatto nel modo più sofisticato. Oggi, quando si parla di lusso, la prima cosa che contrasto è la dimensione, sono le centinaia di negozi. 

Il lusso è riservato, arriverà il momento in cui si distinguerà ciò che è lussuoso da ciò che è noto". Quanto al lancio di Schiaparelli, Della Valle ammette che è stato accelerato dalla grande mostra al Met di New York, del resto "un evento come quello non capita tutti i giorni". Dunque anche se lo stilista non c'é ancora (si fanno tanti nomi, pure quello di John Galliano), la maison è lanciata: non avrà negozi ma solo questa sede parigina dove chi vorrà la haute couture Schiaparelli dovrà venire. Arredata con il contributo creativo di un gruppo di amici (dal designer Vincent Darré a Ines de la Fressange) la maison è piena di segnali: ci sono le colonne e i portacenere di Alberto Giacometti, che appartenevano all'atelier originale, c'é la sfinge di gesso che si trovava nella boutique Schiaparelli, ci sono gli arredi surrealisti zoomorfi realizzati sui disegni di Dalì, ma anche un grande arazzo di Calder e pezzi contemporanei che dimostrano una forte intenzione di rapportarsi all'arte. In tutto questo, come si sente Farida? "la grande personalità di Schiaparelli non mi fa paura, e così la incredibile forza di una donna che seppe prendere in mano la sua vita. Come ho fatto io: quello che mi ha salvato sono state Parigi e la povertà che spinge ad arrangiarsi, a cercare, a trovare lo stile interessante".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi