Quattro morti

Siria, attaccata
la tv del regime

La sede di una tv siriana legata al regime di Bashar al-Assad è stata attaccata e saccheggiata da un commando armato che ha ucciso quattro dipendenti, fra cui tre giornalisti.

Siria, attaccata
la tv del regime

La sede di una tv siriana legata al regime di Bashar al-Assad è stata attaccata e saccheggiata da un commando armato che ha ucciso quattro dipendenti, fra cui tre giornalisti. A dare notizia di quello che definito un "attacco terroristico" e' stata l'agenzia di Stato, Sana. Un commando armato ha fatto irruzione nella sede dell'emittente satellitare Al-Ikhbariya, a Jan Shih, 25 chilometri a sud di Damasco. Dove ha fatto esplodere alcune bombe per mettere fuori uso attrezzature tecniche. La tv ha potuto comunque proseguire regolarmente nelle sue trasmissioni.
  Molti uffici sono stati devastati e nelle immagini trasmesse successivamente si vedono pareti distrutte e buchi nei pavimenti provocati dalle esplosioni. L'attacco e' arrivato poche ore dopo che il presidente Assad aveva detto che il Paese "e' in stato di guerra su tutti i fronti" e all'indomani di una battaglia tra esercito e ribelli alle porte di Damasco, la prima cosi' vicina alla capitale.
  La tv di Stato siriana e' da tempo inclusa nella lista nera dei soggetti vicini al regime sottoposti a sanzioni internazionali, a cui recentemente l'Ue ha aggiunto anche una non meglio specificata emittente privata filo-governativa. Il ministro dell'Informazione siriano, Omran al Zubi, ha parlato di "brutale massacro contro i media e la liberta' di espressione in cui giornalisti sono stati giustiziati a sangue freddo e interi uffici sono stati distrutti". Zuni ha attribuito a Unione europea, Paesi arabi e organizzazioni internazionali la responsabilita' dell'attacco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi