A casa 4.600 persone

Monte Paschi Siena
chiude 400 filiali

Il piano industriale di Mps prevede la "completa razionalizzazione dell'assetto del gruppo con incorporazione delle controllate e chiusura di 400 filiali" entro il 2015.

Monte Paschi Siena
chiude 400 filiali
Il piano industriale di Mps prevede la "completa razionalizzazione dell'assetto del gruppo con incorporazione delle controllate e chiusura di 400 filiali" entro il 2015. Lo si legge in una nota diffusa da Rocca Salimbeni. Il piano industriale al 2015 del Monte Paschi di Siena prevede la riduzione complessiva del personale di 4600 unità.

AL VIA PIANO INDUSTRIALE, UTILE NETTO 630 MLN IN 2015 - Il Cda di Mps ha approvato il Piano Industriale 2012-2015, che prevede un utile netto consolidato di 630 milioni di euro a fine periodo. Lo si legge in una nota secondo la quale è prevista una riduzione dei costi operativi di 565 milioni di euro, con una variazione annua negativa del 4,3%.

Il nuovo piano industriale è caratterizzato - secondo la nota diffusa da Montepaschi - da una "discontinuità che porterà un significativo rafforzamento patrimoniale, una politica rigorosa a tutela dell'asset quality, un equilibrio strutturale e nessuna dipendenza dalla Banca Centrale Europea (Eba)". Sotto il profilo patrimoniale, il Core Tier 1 secondo i criteri dell'Eba al 30 giugno ed il rapporto Common equity Tier 1 secondo Basilea 3 al 2015 è previsto all'8,07% (8,05% nel 2013) attraverso i Tremonti Bond e l'annunciato aumento di capitale fino a 1 miliardo di euro. Quanto alla liquidità, il piano prevede un rapporto totale impieghi/depositi all'88,4% (110% il rapporto commerciale) nel 2015 con un Nsfr (Net stable funding ratio, rapporto di resistenza strutturale) al 101% già nel 2012. Il piano prevede inoltre un costo del credito di 77 punti base a fine periodo, un rapporto costi/margine di intermediazione al 58,5% ed un risultato operativo netto superiore a 1,3 miliardi di euro, con un tasso di crescita annuo del 26,2% ed una redditività operativa (rote) al 7%.

MPS: CEDE 60% BIVERBANCA A CARIASTI PER 203 MLN - Il Cda di Mps ha deliberato di accettare l'offerta vincolante di CariAsti per rilevare il 60,42% di Biverbanca (Cassa di Risparmio di Biella e Vercelli), oggi nelle mani di Rocca Salimbeni, ad un prezzo di 203 milioni di euro. Lo si legge in una nota.

MPS: AL VIA PROCEDURE TREMONTI BOND E TEST SU AVVIAMENTO - Il Cda di Mps ha avviato le procedure necessarie ad ottenere entro l'anno 3,4 mld di liquidità tramite i Tremonti Bond. Lo si legge in una nota secondo la quale è stato avviato anche il test di svalutazione (impairment test) sull'avviamento al 30 giugno scorso, che "potrebbe comportare una svalutazione materiale degli avviamenti iscritti a bilancio". Il Cda ha poi convocato l'assemblea straordinaria per la delega per un aumento di capitale fino a 1 miliardo entro 5 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi