Dopo oltre 80 ore

India, morta la bimba
caduta nel pozzo

E' morta la piccola Mahi, la bimba indiana di 5 anni caduta mercoledì in un pozzo di 25 metri a Manesar, vicino a New Dehli.

India, morta la bimba
caduta nel pozzo

E' morta la piccola Mahi, la bimba indiana di 5 anni caduta mercoledì in un pozzo di 25 metri a Manesar, vicino a New Dehli. Lo affermano le tv all news indiane. Estratta dal pozzo oltre 83 ore dopo l'incidente, Mahi, immediatamente portata in ospedale, non ce l'ha fatta.

La vicenda ha tenuto il fiato sospeso l'intera India per un imprevedibile e sfortunato incidente di cui è stata protagonista Mahi mercoledì sera quando, mentre giocava con amichetti nel giorno del suo quinto compleanno, è caduta in un pozzo profondo 25 metri in un villaggio vicino a Manesar, a 40 chilometri a sud di New Delhi.

La vicenda di questa bimbetta vispa, dagli occhi scuri ed i capelli tagliati alla maschietta, ha riportato subito alla mente la tragedia italiana di Alfredino Rampi, il bambino di sei anni morto nel giugno 1981 a Vermicino, vicino a Frascati, in un pozzo di 60 metri, nonostante lo sforzo prodotto per salvarlo.

Il grosso dei soccorritori è arrivato sul posto giovedì mattina, in un quadro di confusione agitata tipico delle emergenze indiane, con un via vai di soldati, vigili del fuoco, medici, ingegneri, esperti di escavazioni ed automezzi, ma anche di curiosi, passanti, fotografi, giornalisti e cameramen. Le tv "all news" hanno seguito non stop praticamente quasi da subito le operazioni di salvataggio.

Mostrando di volta in volta le lacrime disperate di Sonia, mamma della piccola ("La sorte di mia figlia non interessa a nessuno!"); la fredda rassegnazione del papà, Neeray, secondo cui "le autorità stanno facendo il possibile", e segnando le lunghe ore di trepidante attesa con interviste ad esperti, responsabili locali e semplici cittadini. Dopo varie ore di esitazione sulla strategia da adottare per raggiungere la piccola sul fondo del pozzo, un fatto denunciato dai media, si è deciso di scavare un pozzo verticale parallelo a quello esistente, ma di due metri più profondo, e poi uno orizzontale per poter poi realizzare il salvataggio da sotto.

Quello che davvero preoccupa è che nulla si sa di certo sulle condizioni di Mahi che non risponde più alle sollecitazioni, mentre ossigeno viene pompato continuamente nel pozzo per assicurarne l'aerazione. Una microcamera, calata all'interno del canale non è riuscita a fornire indicazioni significative sullo stato di salute della bambina. Sconsolato papà Neeray ha detto che sua figlia ha pianto e chiesto aiuto all'inizio del dramma ma che poi "non ha più reagito a sollecitazioni e richiami dall'esterno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi