SCIAME POLLINO

560 scosse
in un anno

Sono state registrate nell'area del Pollino, nel nord della Calabria, vicino al confine con la Basilicata, dove é in atto uno sciame sismico con scosse di terremoto solitamente di medio-bassa entità

560 scosse 
in un anno

Sono oltre 560 le scosse di terremoto registrate nell'ultimo anno nell'area del Pollino, nel nord della Calabria, vicino al confine con la Basilicata, dove é in atto uno sciame sismico con scosse di terremoto solitamente di medio-bassa entità. Le ultime due scosse si sono si sono verificate ieri sera alle 19:45, con una magnitudo di 3.7, e successivamente alle 00.27 con una magnitudo 2.7. L'epicentro per entrambe le scosse é stata la zona tra Mormanno, Laino Castello e Rotonda. Il susseguirsi delle scosse di terremoto sta provocando apprensione tra gli amministratori locali e gli abitanti dei comuni di Laino Borgo, Laino Castello, Mormanno (in provincia di Cosenza) e Rotonda, Viggianello, Castelluccio Inferiore e Castelluccio Superiore (Potenza). A preoccupare è la sequenza degli episodi, molti dei quali avvertiti distintamente dalla popolazione, che si stanno verificando da tempo e che sono del tutto anomali rispetto alla storia di quest'area che, pur considerata ad alto rischio sismico, non ha episodi documentati di particolare gravità. Ma non è solo il Pollino ad essere interessato dallo sciame sismico. Anche la zona più a sud della provincia di Cosenza, che comprende, oltre al capoluogo, comuni come San Fili, San Marco Argentano, Rende, San Vincenzo La Costa, Montalto Uffugo, Lattarico e Cavallerizzo di Cerzeto, è interessata da scosse che vanno avanti da un anno. (ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi