Cetraro

30 barche per
Trofeo San Michele

Primo nella categoria Optimist, Vincenzo Gulino del Club Nautico di Paola, che insieme al Trofeo ha acquisito anche il diritto di primo regatante a iscrivere il proprio nome sulla coppa, che il CVL ha istituito da quest’anno

vela cetraro

Oltre 30 barche nelle diverse categorie, dai piccoli optimist alle grandi barche d’altura, si sono contese a Cetraro, il prestigioso trofeo del Pantavela “ G.H. San Michele “, regata storica, giunta alla 28^ edizione e organizzata dal Centro Velico Lampetia. Primo nella categoria Optimist, Vincenzo Gulino del Club Nautico di Paola, che insieme al Trofeo ha acquisito anche il diritto di primo regatante a iscrivere il proprio nome sulla coppa, che il CVL ha istituito da quest’anno. Il trofeo sarà, infatti,  annualmente rimesso in palio e arricchito di volta in volta dal nome dei diversi timonieri. Secondo posto per  Ersilia Vaccari  del CVL Cetraro, che si è aggiudicata anche il Gran Premio “Claudia Siniscalchi. Grande e accanita battaglia anche nella categoria 470, la più tecnica e impegnativa, che ha visto la vittoria del duo Domenico Ferrari e Cecilia Pugliano su Rodolfo Rabissoni. Nella categoria derive  che raggruppava le  barche  fino a 4,50 metri si è aggiudicata la vittoria  il giovane timoniere Antonio Caldiero  sul FJ. Nella categoria dei multiscafi un  solo un concorrente: sull’Astus 20.2 Pierre Pommois con un equipaggio familiare ha portato a termine la regata, in un apprezzabile tempo. Tra le barche d’altura lo spettacolo è stato più avvincente sia nella fase della bolina che nel lato di poppa, quando le barche alzano le vele colorate degli spinnaker e gennaker per un’andatura veloce, con il vento portante. Arrivo  al fotofinish tra Antonio Madorno su ‘Todo Bien’ e Ferruccio Rizzuti su ‘Bramino’, per l’occasione governato da un equipaggio tutto femminile. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi