COSENZA

Donna muore in ospedale, aperta un'inchiesta

I familiari hanno sporto denuncia e la magistratura disporrà nelle prossime ore l’esame autoptico

Donna muore in ospedale, aperta un'inchiesta

Una infezione fatale. Lina Pasqua, 56 anni, è morta ieri nel reparto di Rianimazione dell’ospedale dell’Annunziata. I famigliari, dopo il decesso, hanno sporto denuncia chiedendo l’intervento della magistratura. Il procuratore Mario Spagnuolo e il pm Giuseppe Cava hanno aperto un fascicolo d’inchiesta e disporranno l’esecuzione dell’esame autoptico. Difficile fare delle ipotesi sulle ragioni dell’accaduto. Ingeneroso sarebbe subito puntare il dito contro i medici che hanno avuto la donna in cura: nel nosocomio bruzio il personale lavora a ritmi elevatissimi e tra mille difficoltà. L’abnegazione appare da parte di tutti assoluta. Ma ricostruiamo la vicenda. La paziente è stata operata il 12 marzo e il successivo 30 giugno per problemi determinati da una occlusione intestinale. Il primo intervento è stato con ileostomia e l’altro per la ricanalizzazione dell’intestino. Tra i due momenti chirurgici la donna ha cominciato ad accusare forti dolori addominali ed insufficienza renale ed è stata ricoverata nel reparto di Medicina. Considerato che le condizioni della donna, anche a causa di una infezione contratta in ospedale non accennavano a migliorare, la Pasqua dopo essere andata in dialisi è stata trasferita il 4 giugno scorso nel reparto di lungodegenza del nosocomio di Rogliano. Il 23 giugno è stata poi riportata a Cosenza, dove è stata appunto sottoposta all’ultimo intervento chirurgico sabato scorso. Ieri è deceduta. I congiunti, assistiti dagli avvocati Massimiliano e Paolo Coppa, hanno chiesto il sequestro della cartella clinica e l’esecuzione dell’autopsia. Vi sono state negligenze e imperizie da parte del personale medico e paramedico? Dovranno verificarlo i magistrati inquirenti attraverso tutti gli accertamenti disposti. La paziente, in questi mesi, è stata oggetto di attenzione da parte di quattro diversi reparti ospedalieri. Se vi sono stati degli errori di valutazione o se sono state somministrate cure non idonee emergerà grazie al lavoro dei consulenti medico legali che la Procura nominerà nelle prossime ore. Non resta, dunque, che aspettare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi