COSENZA

Cinque furti d'auto al giorno e il sigillo del cavallo di ritorno

Le vetture sono rubate sostituendo le sofisticate centraline elettroniche. I proprietari vengono individuati attraverso i dati del libretto di circolazione e successivamente contattati

Cinque furti d'auto al giorno e il sigillo del cavallo di ritorno

Tutta Cosenza è nelle loro mani. E non solo Cosenza. Nel mandamento degli zingari rientrano pure Rende, Castrolibero, Montalto e Mendicino. La loro legge è imposta con metodi che resistono al tempo per imporre il “pizzo”. Soffocano e spremono fino all’ultima goccia di sangue le loro vittime. E per moltiplicare il fatturato sono tornati a fare quello che avevano sempre fatto: il furto di auto col sistema del “cavallo di ritorno”. Quello delle estorsioni sui veicoli rubati è sempre stato uno dei rami aziendali più produttivi all’interno della rete affaristica del potente clan che ha la sua base tra via Popilia e via degli Stadi, pezzi di città impenetrabili e insicuri, che, negli anni, hanno assunto lo sfondo di terra di nessuno, ostile a leggi e a regolamenti. Quei quartieri sono diventati i fortini della potente ’ndrina dei nomadi che traffica in sostanze stupefacenti ma riempie la “bacinella” coi denari del racket e del “fiore” che i proprietari dei veicoli rubati pagano per tornare in possesso del mezzo.

Leggi il resto dell'articolo nell'edizione cartacea

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi