Cosenza

Le ’ndrine erano “padrone” dell’Asti Calcio

I Catarisano gestivano la società, trattavano con la tifoseria e riunivano persino i loro associati negli impianti del sodalizio.

Le ’ndrine erano “padrone” dell’Asti Calcio

La testa nel...pallone. I picciotti della ’ndrangheta hanno sempre avuto un debole per il calcio. La gestione delle società sportive offre infatti ai mafiosi il raggiungimento di due obiettivi: l’ostentazione del loro potere attraverso un’attività legale e popolare; la possibilità di poter riciclare denaro oppure ottenere il versamento di “mazzette” sotto forma di sponsor. È accaduto più volte in Calabria ma nessuno immaginava che potesse accadere nella lontana e “civilissima” Asti.

La magistratura inquirente antimafia piemontese contesta alle ’ndrine degli Emma, degli Stambè e dei Catarisano di aver acquisito in maniera diretta e indiretta la gestione dell’Unione sportiva Costigliole d’Asti e dell’Unione sportiva “Motta Piccola California”, dirimendo i contrasti tra i dirigenti ed imponendo le proprie direttive e decisioni. Non solo: i calabresi avrebbero gestito indirettamente l’“Asti calcio” mediante l’assunzione dei compiti di amministrazione formalmente attribuiti a Giuseppe Catarisano. A parere dei pubblici ministeri torinesi, le cosche avrebbero addirittura usato gli impianti sportivi anche per tenere gli incontri tra associati. 

L'articolo completo nell'edizione in edicola della Gazzetta del Sud.

Clicca qui per acquistare la tua copia digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi