COSENZA

Fiamme nella pescheria, il rogo "puzza" di racket

La ’ndrangheta terrorizza i piccoli imprenditori e i bottegai della città che sono costretti a pagare

Fiamme nella pescheria, il rogo "puzza" di racket

Le paure di Cosenza sono nascoste negli sguardi spenti di piccoli imprenditori e bottegai incapaci di ribellarsi al malaffare che continua a mangiarsi le loro vite. Sono in catene, prigionieri d’un esercito di malacarne che li ricatta e li spreme perchè qui la ’ndrangheta è rimasta padrona con vecchi e nuovi boss che si contendono il territorio e ricorrono ai metodi che resistono al tempo per imporre la “mazzetta”.

Soffocano, spremono fino all’ultima goccia di sangue le loro vittime, costringendole a pagare. Il fuoco spesso serve a piegare le resistenze di quei pochi che non vorrebbero arrendersi ma che sono costretti a cedere.

Quell’odore di bruciato sarebbe lo stesso di quello sprigionato dalle fiamme “sospette” che ieri, all’alba, hanno seminato la distruzione in una pescheria-ristorante di via Nicola Serra. Un rogo che si sarebbe sviluppato poco prima delle 6.

Leggi il resto dell'articolo nell'edizione cartacea

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi