Corigliano Calabro

Quelle estorsioni pagate con uova, galline e conigli

Dopo l’arresto di Franco La Via resta ancora irrintracciabile Alfonso Scarcella emigrato in Germania la scorsa estate

Quelle estorsioni pagate con uova, galline e conigli

Corigliano

Una parte della “guardiania” veniva pagata in natura. Dalle carte dell’operazione “il Tribunale” emerge che le estorsioni si potevano saldare cedendo galline, conigli, olio, uova, frutta e verdura a volontà. Intanto, nel corso dell’interrogatorio di garanzia, quasi tutti i soggetti si sarebbero avvalsi della facoltà di non rispondere. Continuano le indagini della Procura di Castrovillari, guidata dal Procuratore capo Eugenio Facciolla. Dalle carte dell’inchiesta “il Tribunale” – la richiesta è stata firmata dal sostituto procuratore castrovillarese, Antonino Iannotta, mentre l’ordinanza di custodia di oltre centosettanta pagine è del Gip Teresa Reggio – affiorano una serie di dettagli sugli episodi estorsivi contestati dagli inquirenti ai quattordici destinatari delle misure cautelari. Dal lavoro del nucleo operativo dei carabinieri della Compagnia di Corigliano, diretti dal capitano Cesare Calascibetta, e durato cinque anni, pare che il sodalizio che si ritiene essere comandato da Filippo Solimando permettesse il pagamento delle estorsioni utilizzando non solo somme in denaro ma anche frutta, ortaggi, olio, uova e persino gli animali comunemente mangiati dall’uomo come conigli e galline. 

Leggi l'intero articolo nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi