Cosenza

Falsi diplomi, caccia ai complici dello stampatore

Nella vicenda sarebbero coinvolte quattro scuole bruzie, una dell’area di Gioia Tauro e una siciliana

Falsi diplomi, caccia ai complici dello stampatore

Cosenza

In principio erano solo una trentina e si pensò a un caso isolato, a un’anomalia. Poi col passare del tempo le file dei falsi professori di scuola primaria e di sostegno per gli alunni diversabili incominciarono a ingrossarsi e scoppiò il caso. A mano a mano che le indagini – coordinate dal capo dei pubblici ministeri della Procura di Cosenza, Mario Spagnuolo, dall’aggiunto Marisa Manzini e dal sostituto Giuseppe Cava – andavano avanti, l’elenco dei docenti fasulli incominciò a superare le cento unità. In poco più di tre mesi i tabulati sono andati riempiendosi a un ritmo preoccupante. Adesso che gl’indagati hanno raggiunto poco meno delle cinquecento unità bisognerebbe trovare un aggettivo adatto per catalogare la vicenda. 

[..] L’altro fronte dell’indagine, invece, riguarda gli istituti scolastici. Ne sarebbero stati individuati quattro in provincia di Cosenza (in particolare a Castrovillari, Cassano, Corigliano e Belvedere Marittimo) uno nel reggino, nella zona di Gioia Tauro, e un’altro in Sicilia, nell’area del siracusano, a riprova del fatto che il fenomeno nel corso del tempo ha superato non solo i confini provinciali ma anche quelli regionali. 

Leggi l'intero articolo nell'edizione digitale o in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi