Paola

Uccise la cognata a sprangate, condannato a 30 anni di carcere

L’infermiere Paolo Di Profio commise il delitto a Cetraro

Uccise la cognata a sprangate, condannato a 30 anni di carcere

Condannato a 30 anni di carcere l’infermiere Paolo Di Profio. Il massimo della pena per il rito abbreviato. Era accusato di aver ucciso a sprangate la cognata, la dottoressa Annalisa Giordanelli. La sentenza è giunta ieri pomeriggio in Corte d’Assise a Cosenza dopo una camera di consiglio di circa due ore. Il dispositivo applica altresì la misura di sicurezza della libertà vigilata nei confronti dell’uomo, a conclusione della pena definitiva principale, per tre anni. Inoltre per quattro anni, una volta uscito dal carcere, Di Profio non potrà esercitare la podestà genitoriale. Sono stati anche i figli l’oggetto del dramma familiare. L’infermiere non si rassegnava né alla separazione dalla moglie, né tantomeno al fatto che i suoi ragazzi fossero spesso a casa della cognata. Alla Giordanelli imputava anche la fine del suo matrimonio. Ha “pagato” per tutti un innocente. Un medico stimato e conosciuto a Cetraro.

La sentenza stabilisce anche i risarcimenti delle parti civili: 20mila euro per il comune di Cetraro, 50mila euro ciascuno per il marito e il figlio della dottoressa, 40mila euro ciascuna alle sorelle di Annalisa Giordanelli e alla madre.

L’articolo completo potete leggerlo nell'edizione cartacea

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi