Rende

Omicidio Lanzino, tutti assolti

La studentessa diciannovenne venne stuprata e uccisa nel luglio del 1988 mentre andava al mare. Verdetto di non colpevolezza in Assise per Franco e Alfredo Sansone

Omicidio Lanzino, disposta comparazione del Dna

Non fu Franco Sansone, imprenditore agricolo cinquantenne di Cerisano, a stuprare e uccidere la studentessa diciannovenne di Rende Roberta Lanzino, nel luglio del 1988. L’hanno stabilito i giudici della Corte di assise di appello di Catanzaro confermando il verdetto assolutorio già emesso lo scorso anno nei confronti dell’imputato dai giudici di Cosenza. Lo stesso Sansone era finito a giudizio, insieme con il padre, Alfredo, con l’accusa di aver fatto sparire per lupara bianca, nel 1989, il suo presunto complice nello stupro: Luigi Carbone, allevatore di Marano. I due imputati sono stati difesi dagli avvocati Enzo Belvedere, Armando e Clara Veneto. I congiunti della vittima si erano invece costituiti parte civile assistiti dagli avvocati Ornella Nucci, Francesco Cribari, Marina Pasqua e Elena Coccia. Il sostituto procuratore generale, Carlo Modestino, aveva chiesto l’assoluzione di Franco Sansone per il delitto Lanzino e l’ergastolo per l’assassinio di Carbone. Sia lui che il padre sono stati ritenuti innocenti.

Altri particolari potete leggerli nell'edizione cartacea

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi