Cosenza

Condannato al carcere a vita

L’agente immobiliare Franco Attanasio congiunto delle due donne uccise nel cimitero di San Lorenzo. È stato ritenuto responsabile dell’omicidio di Damiano Galizia compiuto a Rende

 Condannato al carcere a vita

Francesco Attanasio è stato riconosciuto colpevole dell’omicidio di Damiano Galizia avvenuto, per motivi di interesse, nella primavera del 2016 a Rende. L’autore del delitto doveva dei soldi all’ucciso in ragione di un prestito ricevuto. Fu l’imputato a far ritrovare il cadavere della vittima.

Finito in manette, Attanasio ha successivamente subito una vendetta trasversale perché la mamma e la sorella sono state ammazzate barbaramente il 30 ottobre dello stesso anno nel cimitero di San Lorenzo del Vallo. Per l’agente immobiliare, originario di San Lorenzo, il pm Giuseppe Visconti aveva chiesto la condanna a 18 anni di relcusione. Il gup di Cosenza, Giuseppe Greco, ha inteso invece comminargli il carcere a vita. Per il barbaro assassinio delle due donne è stato prima arrestato e poi rinviato a giudizio davanti alla Corte d’assise di Cosenza, Luigi Galizia, fratello di Damiano, ritenuto dalla procura di Castrovillari responsabile del crimine.

Leggi l'intero articolo nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi