microcriminalità a Firmo

Il vice sindaco chiede
comitato vigilanza

I cittadini vivono in uno stato di continua apprensione. E’ da tempo– scrive il vice sindaco Roseti – che si stanno verificando sistematicamente dei furti nelle abitazioni

comune firmo

Furti e danneggiamenti. Una escalation preoccupante della microcriminalità a Firmo, piccolo centro del cosentino. I cittadini vivono in uno stato di continua apprensione e cosi il vice sindaco, Pietro Roseti, ha scritto una missiva al Prefetto e al Questore di Cosenza e, per conoscenza, al ministro degli Interni, per chiedere la convocazione urgente del comitato di vigilanza al fine di predisporre tutte le azioni utili e necessarie per debellare, o quanto meno arginare,  il grave problema dei furti. “E’ da tempo– scrive il vice sindaco Roseti – che si stanno verificando sistematicamente dei furti nelle abitazioni, episodi continui e ripetuti e i cittadini vivono in una situazione di grande insicurezza e paura”. Quindi,  la richiesta anche del potenziamento della presenza delle forze dell’ordine. “Il controllo del territorio firmense da parte dei carabinieri della stazione di Lungro – sottolinea il vice sindaco Roseti – è continuo ma è troppo limitato considerato l’esiguità dei militari di cui la stazione dispone.  Una situazione che induce, purtroppo, l’opinione pubblica a pensare che gli autori di questi atti criminosi non saranno mai acciuffati e quindi mai puniti”. Per far riacquistare ai cittadini fiducia nelle Istituzioni l’amministratore chiede un intervento concreto sul fronte sicurezza e controllo del territorio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi