Cosenza

Niente Zucchero e Renato Zero per capodanno

Trattative saltate. In lizza c'erano pure i Negramaro. Si pensa a Bersani o a Fabri Fibra. L’idea, comunque, è di allestire una notte tutta dedicata alla musica

Niente Zucchero e Renato Zero per capodanno

Sarà stato perchè qualcuno degli artisti contattati ha deciso di non esibirsi nei concerti di capodanno, oppure perchè già impegnati in altre manifestazioni natalizie. Sta di fatto che (per l’amarezza dei fan) nè Zucchero, nè Renato Zero calcheranno il palco la notte di San Silvestro. E a quanto pare neppure i Negramaro.

Erano queste, infatti, le tre proposte in lizza per il concertone di fine anno, rispetto alle quali l’amministrazione comunale aveva intavolato delle trattative nella speranza che il gruppo rock italiano o uno tra Zucchero e Renato Zero potesse deliziare i cosentini, e non solo, nella serata a cavallo tra il 31 dicembre e il primo gennaio.

Ora le prospettive cambiano, ma non le ambizioni dell’esecutivo Occhiuto, che ha in mente di organizzare un evento all’altezza delle passate edizioni, diventate un appuntamento attesissimo e tale da richiamare il pubblico delle grandi occasioni. Già pronte, si fa per dire, le alternative. Spuntano i nomi di Samuele Bersani, Elio delle storie tese, la cui band si è sciolta di recente dopo 37 anni di attività, Fabri Fibra e una cantante il cui nome al momento resta top secret.

Niente di ufficiale, solo indiscrezioni di Palazzo, ma l’amministrazione lavora senza soste per chiudere la pratica in tempi brevi. Proprio perchè c’è da approntare l’itinerario degli eventi natalizi e il capodanno dovrà rappresentare, come da tradizione, il fiore all’occhiello dell’intero cartellone, assemblato dall’assessorato alla cultura retto dal vicesindaco, Jole Santelli, e dal dirigente del settore Spettacolo, Gianpaolo Calabrese, sicuri di ricreare le atmosfere che hanno scaldato, dal 2000 in poi, le notti degli amanti del capodanno all’aperto.

L’idea è quella di allestire una lunga passeggiata dedicata alla musica, attraverso l’esibizione di più artisti in vari punti del capoluogo, a partire da piazza Bilotti. Scenario, quest’anno, anche dei mercatini di Natale, inaugurati mercoledì scorso e destinati a rimanere aperti fino al 23 dicembre.

Le classiche bancarelle hanno trovato posto al centro dello slargo tra un’ala e l’altra dell’opera infrastrutturale, già da ieri prese d’assalto dalle famiglie alla ricerca dell’addobbo speciale per decorare l’albero o il presepe. Una scelta che a quanto pare non è dispiaciuta ai commercianti ambulanti, voluta dall’assessore alle Attività economiche e produttive di Palazzo dei Bruzi, Loredana Pastore.

Insomma, è quasi tutto pronto per vivere le emozioni che solo una ricorrenza come il Natale riesce a trasmettere. Tra qualche giorno farà la sua comparsa anche l’albero della tradizione, che sarà sistemato nella salita di Pagliaro l’8 dicembre, in occasione della festa dell’Immacolata. E all’accensione delle luci seguirà il concerto del coro delle voci bianche.

Il dieci dicembre, invece, la piazza del Duomo ospiterà un altro albero caratteristico della ricorrenza. Previsto, in quella circostanza, un concerto di musica classica. Non mancano le novità, dunque, per questo Natale 2017 e anche le vetrine dei negozi incominciano a vestirsi di festa. Non resta che attendere il nome dell’artista al quale affidare le chiavi del palcoscenico di capodanno, sulla scia delle precedenti edizioni della musica in piazza, capaci di attirare le grandi folle e a richiamare gente da ogni parte della regione.

L’anno scorso è toccato al cantautore spagnolo, Alvaro Soler, esibirsi nella rinnovata piazza Bilotti, ma in precedenza è stato lo slargo del Comune a catalizzare l’attenzione dei cosentini, i quali hanno ballato e cantato sulle note di artisti di fama internazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi