Carceri

Sappe, assistente penitenziario aggredito a Cosenza

Durante: in struttura personale in servizio non é sufficiente

carcere

"Nel primo pomeriggio di ieri alcuni detenuti del reparto 'Alta sicurezza' della casa circondariale di Cosenza hanno aggredito un assistente della Polizia penitenziaria in servizio nella sezione detentiva, che è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso, i quali lo hanno dimesso con prognosi clinica di 15 giorni". A renderlo noto, con un comunicato, é Giovanni Battista Durante, del sindacato Sappe.

"Chiediamo che sull'accaduto, che è oggetto di accertamenti da parte del personale della Polizia penitenziaria - aggiunge Durante - l'Amministrazione assuma provvedimenti disciplinari adeguati nei confronti dei detenuti, fermo restando le valutazioni di carattere penale, di competenza dell'autorità giudiziaria. All'assistente, vittima dell'aggressione, va la vicinanza e la solidarietà del Sappe. La casa circondariale di Cosenza, che da mesi è priva del Comandante del Reparto titolare, al 30 settembre scorso, a fronte di una capienza di 218 posti, ospitava 241 detenuti di cui 44 stranieri, mentre il personale in servizio non è sufficiente, poichè risultano effettivamente presenti solo circa 115 unità.

La carenza di uomini, mezzi e risorse interessa tutte le strutture della Calabria e nonostante ciò, l'amministrazione penitenziaria, in questi anni, ha aperto nuovi reparti detentivi, come a Catanzaro e Rossano (reparto dedicato agli AS2, detenuti per reati di terrorismo); nuovi istituti, come ad Arghillà e Laureana di Borrello, ed ha aumentato i posti detentivi ma non il personale di polizia penitenziaria. In Calabria, cosa di non poco conto, ci sono circa 950 detenuti appartenenti al circuito Alta sicurezza, i quali necessitano di maggiori controlli e spostamenti in diversi istituti, a causa dei tanti processi cui sono imputati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi