CASSANO ALLO JONIO

L'autopsia non cancella i dubbi

Eseguito l'accertamento tecnico sul corpo di Leonardo Avena, il sessantatreenne trovato morto nella sua casa di Vico III 4 Novembre dove abitava insieme alla sorella Lucia. Il caso rimane ancora senza soluzione

L'autopsia non cancella i dubbi

È stato eseguito l’esame autoptico sulla salma di Leonardo Avena, il sessantatreenne trovato morto nella sua casa di Vico III 4 Novembre dove abitava insieme alla sorella Lucia. Il caso rimane ancora senza soluzione. Sulle risultanze dei controlli vige il massimo riserbo. La vicenda è sempre più contorta e continua a riservare numerose sorprese. I magistrati lavorano a trecentosessanta gradi, al momento non si esclude nemmeno l’ipotesi di omicidio. Ordinati anche altri sequestri e un nuovo sopralluogo nella casa dell’uomo. Emergono elementi che porterebbero a una nuova pista e a nuove ipotesi rispetto alla ricostruzione iniziale effettuata dagli inquirenti sulle cause del decesso dell’anziano.

Qualcosa trapela: l’autopsia, che si è svolta nell’obitorio del cimitero di Cassano, sarebbe durata dalle 13 alle 15 di ieri. Controllo svolto con grande celerità e concentrazione a causa dello stato del corpo. I due medici legali, al quale la Procura ha conferito l’incarico ieri mattina stessa e che subito dopo hanno eseguito l’esame autoptico, sono le dottoresse Eloisa Maselli e Francesca Donno dell’università di Bari, le quali hanno avuto anche il supporto della scientifica dei carabinieri di Cosenza.

Il resto dell'articolo leggilo nell'edizione on line

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi