Cosenza

Ricostruita in aula la notte del delitto del piccolo Cocò

Ieri l’udienza in Corte d’assise

Ricostruita in aula la notte del delitto del piccolo Cocò

Cosenza

Tradimenti, depistaggi, sospetti e quei vestiti sporchi che potrebbero firmare il delitto. Resta avvitato attorno agli stessi elementi-chiave il processo sul triplice omicidio di Cassano che indignò l’Italia perché assieme a Peppe Iannicelli e alla sua fidanzata marocchina Betty Taouss fu ucciso e bruciato anche il piccolo Cocò Campilongo. Un bambino di tre anni, senza colpe.

Ieri mattina dinanzi alla corte d’assise di Cosenza (presidente Giovanni Garofalo, a latere Francesca De Vuouono) è stato sentito Francesco Cavaliere, giovane cassanese amico del figlio di Giuseppe Iannicelli che porta il suo stesso nome. In risposta alle domande del pm Sarverio Vertuccio, in aula al posto del procuratore antimafia Vincenzo Luberto, il ragazzo ha raccontato quanto avvenne la sera e la notte di quel giovedì quando si persero le tracce della Fiat Grande Punto con a bordo i tre, trovati solo tre giorni dopo, domenica mattina, nelle campagne alla periferia di Cassano da un cacciatore che passava da lì per caso. Era il 19 gennaio 2014.

Cavaliere ha ricordato che assieme a Giuseppe Iannicelli junior cercarono il padre e attorno a mezzanotte passarono dalla casa in cui viveva con la fidanzata ma trovarono la porta chiusa. Quindi ha rivelato che Iannicelli inviava dei messaggi all’ex fidanzata che è la figlia di Cosimo Donato, detto “topo”, uno dei due imputati del processo assieme a Faustino Campilongo inteso come “panzetta”. Proprio i presunti killer si fecero vivi più tardi, a Cassano, dialogando col figlio di Peppe Iannicelli che in quel momento si sarebbe accorto dei loro vestiti e delle mani sporche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

L'inferno di notte

L'inferno di notte

di Rocco Gentile