Inchiesta

Cosenza, nove mesi per una visita al cuore

La risposta del poliambulatorio Asp a un cardiopatico: 10 gennaio 2018 prima data utile. Nei giorni scorsi disagi anche al Centro prenotazioni dell’Annunziata

Cosenza, nove mesi per una visita al cuore

Nove mesi bastano per avere un bambino. Un’attesa che può tuttavia diventare intollerabile quando in ballo non c’è il lieto evento più emozionante dell’esistenza umana, bensì un controllo medico generale e al tempo stesso fondamentale per chi soffre di cuore. Un’amara realtà, quella delle liste d’attesa infinite della sanità pubblica, con la quale deve fare i conti un pensionato bruzio di 66 anni. Il paziente cardiopatico, venerdì scorso, s’è prima recato all’Annunziata per prenotare la sua visita. Arrivato al Cup s’è però ritrovato davanti a una coda interminabile di utenti, scena abbastanza frequente nella cittadella ospedaliera cittadina. Il pensionato a quel punto ha deciso di girare i tacchi per cercare una soluzione alternativa, spostandosi dall’area di via Zara in direzione via Popilia. La sgradita sorpresa s’è manifestata qualche minuto dopo aver varcato la porta del poliambulatorio Asp e aver afferrato il bigliettino elimina-code: per una visita cardiologica con ecocardiogramma ed elettrocardiogramma bisogna andare oltre il capodanno 2018 visto che la prima data disponibile scatta il prossimo 10 gennaio. Una “mazzata” ben assestata sulla testa del pensionato che, nonostante i diversi problemi di salute che lo affliggono, fino a due giorni fa non aveva mai avuto alcun problema di questo tipo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

L'inferno di notte

L'inferno di notte

di Rocco Gentile