Nel Cosentino

Corigliano, sequestrata una tonnellata di sardella

Blitz della Guardia costiera in località Thurio. Il prodotto ittico è stato distrutto dopo le analisi effettuate dall’Asp

Corigliano, sequestrata una tonnellata di sardella

CORIGLIANO

Sequestrato dai militari della Guardia costiera della Capitaneria di porto di Corigliano un carico di novellame di sarda, costituito da 110 cassette di polistirolo dal peso complessivo di oltre una tonnellata. Non conosce, quindi, sosta (soprattutto in questo particolare periodo dell’anno) l’attività di contrasto alla pesca di quella specie marina da parte dei militari della Guardia costiera in servizio presso la Capitaneria di porto coriglianese, sede anche del Compartimento marittimo, dirette (entrambe le istituzioni) dal capitano di fregata, Canio Maddalena, e che estende il proprio raggio d’azione sulla vasta area giurisdizionale che abbraccia la fascia ionica settentrionale (compreso il suo entroterra) da Cariati a Rocca Imperiale. Due giorni fa, infatti, nel corso di una vasta operazione di controllo andata avanti per l’intera nottata, i militari della Guardia costiera sono riusciti ad intercettare, in località Thurio di Corigliano, un carico di novellame di sarda (noto più in generale col nome “bianchetto”, ma in zona questo prodotto ittico è meglio conosciuto come “sardella”). Il carico, ovviamente, era pronto per essere immesso illegalmente nella filiera commerciale della pesca e quindi venduto al dettaglio con il previsto conseguente incasso che, complessivamente, sarebbe ammontato ad oltre 15mila euro.

Leggi l'intero articolo nell'edizione digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi