'Ndrangheta

Omicidio figlio boss, due arresti a Cosenza

I carabinieri del Comando provinciale di Cosenza hanno arrestato Roberto Porcaro, di 32 anni, con l'accusa di essere stato uno degli organizzatori e mandanti dell'omicidio di Luca Bruni

Carabinieri Vittoria

I carabinieri del Comando provinciale di Cosenza hanno arrestato Roberto Porcaro, di 32 anni, con l'accusa di essere stato uno degli organizzatori e mandanti dell'omicidio di Luca Bruni, di 36 anni, assassinato il 3 gennaio 2012 ed i i cui resti furono trovati sepolti in un terreno il 18 dicembre del 2014. Luca Bruni era il figlio del boss della 'ndrangheta Francesco, soprannominato "Bella bella", ucciso nel luglio del 1999. I resti del corpo di Luca Bruni furono trovati grazie alle rivelazioni di due collaboratori di giustizia, Adolfo Foggetti e Daniele Lamanna. L'arresto di Roberto Porcaro é stato fatto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip distrettuale di Catanzaro su richiesta della Dda. Un altro provvedimento restrittivo in relazione all' assassinio di Luca Bruni é stato emesso ed eseguito dai carabinieri a carico di Francesco Patitucci, di 55 anni, già detenuto per altra causa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi