cassano allo ionio

Morto dopo essere stato sorpreso a rubare gasolio, 2 fermi

Andrea e Bruno Falbo sono stati sottoposti a fermo con l'accusa di omicidio preterintenzionale. Avrebbero picchiato un 60enne che avevano sorpreso a rubare gasolio, provocandone la morte

Morto dopo essere stato sorpreso a rubare gasolio, 2 fermi

Due cugini ventenni, Andrea e Bruno Falbo, sono stati sottoposti a fermo con l'accusa di omicidio preterintenzionale per la morte di Pietro Armentano, il sessantenne deceduto la notte scorsa a Cassano allo Ionio dopo esser stato sorpreso mentre rubava gasolio dal camion della ditta di proprietà del padre di Andrea. Secondo l'ipotesi accusatoria, i cugini, dopo avere sorpreso l'uomo a rubare il gasolio lo avrebbero colpito con calci e pugni causandone la morte. Quale sia stata la causa esatta del decesso lo stabilirà l'autopsia che sarà effettuata nei prossimi giorni. Il provvedimento è stato emesso dalla Procura della Repubblica di Castrovillari dopo che i cugini sono stati lungamente sentiti nella caserma dei carabinieri di Cassano. Nel corso dell'interrogatorio, i ragazzi sarebbero caduti più volte in contraddizione, mentre la loro versione - Armentano morto dopo avere picchiato la testa cadendo durante la fuga - non avrebbe trovato riscontri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi