Rivelazioni di un petito

"Così i pizzini arrivavano fuori dal carcere"

Il collaboratore di giustizia ha anche tirato in ballo un esponente della Polizia penitenziaria di Cosenza, accusandolo di essere il "corriere" dei "pizzini"

carcere

"I messaggi arrivano all'esterno attraverso frasi sussurrate nell'orecchio dei visitatori durante i colloqui. A volte, però, passiamo qualche biglietto...". Sono le rivelazioni del pentito cosentino Adolfo Foggetti alla Dda di Catanzaro. Il collaboratore di giustizia ha anche tirato in ballo un esponente della Polizia penitenziaria di Cosenza, accusandolo di essere il "corriere" dei "pizzini" scritto dietro le sbarre e destinati ai "compari" in libertà.

L'approfondimento nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi