Verbicaro (CS)

Fede e tradizione
si rinnovano

Grande successo anche per l’edizione 2012 della festa della Madonna delle Grazie, festa patronale, a Verbicaro, piccolo centro dell'entroterra tirrenico cosentino.

infiorata

Grande successo anche per l’edizione 2012 della festa della Madonna delle Grazie, festa patronale, a Verbicaro, piccolo centro dell'entroterra tirrenico cosentino. Una festa suggestiva che viene preparata con cura. Due i momenti di maggiore coinvolgimento che hanno attirato tantissimi curiosi e fedeli: il primo luglio il rito arboreo degli “Zigni”, ovvero la fiaccolata dei ceppi di legno resinoso accesi, portati a spalla dai devoti, fino in piazza Cava subito dopo la celebrazione solenne dei vespri. Il clou si è raggiunto nel consueto incontro tra  la processione della statua della Madonna, all’incrocio tra via Roma e via XXIV Maggio con la fiaccolata degli zigni. Probabilmente all'origine di queste feste c'è il mito del fuoco che Prometeo rubò agli dei, per restituirlo agli uomini cui Zeus l'aveva sottratto per punirli della loro empietà, anche se per alcuni studiosi il fuoco sarebbero da mettere in relazione agli ancestrali rituali di fertilità, riconducibili a culti dionisiaci diffusi in tutto il Mediterraneo. La Festa, ha visto poi, il ripetersi anche della  Infiorata in onore della Patrona. Una iniziativa che si svolge ormai da diversi anni e che coinvolge tante persone per mesi nella progettazione e poi  nella raccolta dei petali di fiori con cui creare, lungo le vie del centro variopinti tappeti ornamentali che offrono uno spettacolare gioco di forme e colori.  La realizzazione degli “affreschi” dell’Infiorata è iniziata all’alba di ieri mattina e al momento del passaggio della statua della Madonna, il momento di fede più alto, tutto era pronto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi