Cosenza

Imprenditore anti-pizzo denuncia gli “esattori”

È stato costretto al ricovero in ospedale dopo il pestaggio. Si è coraggiosamente opposto al versamento dell’odiosa “rata di Natale”Una scelta di campo ribadita in Procura con un dettagliato esposto

Imprenditore anti-pizzo denuncia gli “esattori”

Lo avevano pestato dopo aver negato loro la “rata di Natale”. Il “fiore” per gli “amici”, e gli “amici degli amici”. Era finito in ospedale per essersi ribellato ai “signori della mazzetta”. Una violenza che non lo ha intimidito. Appena uscito dall’“Annunziata”, infatti, l’imprenditore, titolare di una catena di discount tra Luzzi, Bisignano e San Giovanni in Fiore, aggredito e malmenato nei giorni scorsi, si è recato in Procura e, davanti al capo dei pm Dario Granieri, ha riempito pagine di verbali. In quei fogli è racchiuso il seme del principio di liberazione dai soprusi della ’ndrangheta. Una pianta che sta germogliando nelle coscienze degli imprenditori. Un sussulto destinato a diventare il simbolo di una resistenza civile in un territorio che non sopporta più l’arroganza di una pletora di sanguisughe.

L'approfondimento nell'edizione della Gazzetta del Sud in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi