Nel Cosentino

Trasferito ingiustamente Ispettore torna a Rossano

Il Consiglio di Stato dà ragione al poliziotto

Trasferito ingiustamente Ispettore torna a Rossano

È tornato nella sede di servizio di Rossano, dopo l’ingiustificato trasferimento forzato, da parte dell’ufficio superiore di Pubblica sicurezza della Capitale, in altra sede della provincia, l’ispettore di polizia del commissariato di Rossano. Lo ha deciso definitivamente il Consiglio di Stato, organo a cui era ricorso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, dopo un primo pronunciamento del Tar della Calabria a favore del graduato, ritenendo ingiustificato, autoritario ed infondato il trasferimento ed totale accoglimento delle motivazioni dei legali, avvocati Domenico e Salvatore Rotondo, dell’ispettore di Polizia rossanese. Questi nell’aprile scorso era stato trasferito perentoriamente d’ufficio da Rossano in altra sede con grave pregiudizio per lo stesso e per l’organizzazione e gestione della sua famiglia.

L'approfondimento nell'edizione della Gazzetta del Sud in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi