Cosenza

Lo stupro della notte di Natale

Il compagno della donna è finito in ospedale con la testa fracassata

carabinieri

C’è una trama nera che risale dalla notte di Natale. Ed è una trama di violenza e di dolore. È la storia agghiacciante di una giovane donna, una romena, umiliata in casa, davanti al suo compagno, da uno dei nuovi boss romeni che comandano tra gli “invisibili” del centro storico. Uomini e donne poveri in canna, senza nulla da difendere, e, spesso, anche senza volto, che campano con lavoretti saltuari. Gente che sopravvive ai margini della società, tra i vicoli della città dei panni stesi da un balcone all’altro, dei palazzoni piegati dal tempo, con le mura ferite da lesioni e i portoni di legno marcio che faticano a stare in piedi. Gente che vive di paura da quando la galassia dei romeni è divisa a metà, con i violenti da una parte e i miserabili, costretti a subire ogni genere di abusi, dall’altra. Nessuno parla, nessuno vuole immischiarsi perchè chi lo fa subisce ritorsioni.

L'approfondimento nell'edizione della Gazzetta del Sud in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi