Rende

Schiuma sospetta nell’Emoli

Interviene il Corpo forestale. L’accusa è di smaltimento illecito di rifiuti nelle acqueI poliziotti avevano iniziato da tempo l’attività d’indagine

Schiuma sospetta nell’Emoli

Un uomo di Rende, titolare di un allevamento di bovini, è stato deferito alla competente Procura della Repubblica di Cosenza per presunta illecita attività di gestione agronomica degli effluenti di allevamento e illecito smaltimento di rifiuti nelle acque superficiali.

L’intervento è stato effettuato dal personale del Corpo forestale dello Stato del Comando stazione di Cosenza a seguito di una serie di segnalazioni riguardanti odori nauseabondi e colorazione scura e schiumosa presente nelle acque del fiume Emoli che attraversano Villaggio Europa a Quattromiglia di Rende.

Gli uomini del Corpo Forestale, pertanto, hanno da subito iniziato una attività di indagine per accertare le cause e la provenienza di tali sversamenti, puntando particolarmente l’attenzione verso gli insediamenti produttivi presenti a monte della località Quattromiglia, lungo il corso del torrente. Dopo un’attenta perlustrazione e una serie di sopralluoghi gli agenti del Corpo forestale sono entrati in azione, provvedendo, appunto, a deferire il titolare dell’allevamento di bovini.

L'approfondimento nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi