Cosenza

Otto colpi di pistola
contro pizzeria del centro

Sparati contro il locale del padre e del fratello del pentito di 'ndrangheta Roberto Violetta Calabrese. Un messaggio inequivocabile a poche ore dalla durissima requisitoria pronunciata a Catanzaro dal PM Pierpaolo Bruni

 Otto colpi di pistola 
 contro pizzeria del centro

Otto colpi di pistola. Esplosi in rapida successione ieri sera contro la pizzeria gestita in pieno centro, a Cosenza, in piazza Loreto, dal padre e dal fratello del pentito di 'ndrangheta Roberto Violetta Calabrese. Un messaggio inequivocabile di terrore, una prova di forza delle cosche locali a poche ore dalla durissima requisitoria pronunciata a Catanzaro dal pM Pierpaolo Bruni contro 35 presunti affiliati alle 'ndrine bruzie. Il magistrato ha chiesto condanne per 480 anni di carcere e invocato l'ergastolo per il presunto capo della mafia cosentina Maurizio Rango. I familiari del collaboratore di giustizia Calabrese avevano subito un'altra gravissima intimidazione nel marzo del 2013 quando su via XXIV Maggio, sempre a Cosenza, i picciotti dei clan aprirono il duo contro un solarium gestito dal fratello del pentito che rimase miracolosamente illeso. Ora un nuovo avvertimento

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi