Nel Cosentino

Strage di San Lorenzo, chiesta la conferma degli ergastoli

indrieri e de marco

Il sostituto procuratore generale di Catanzaro, Salvatore Curcio, stamattina ha chiesto la conferma degli ergastoli a carico di Domenico Scarola e Salvatore Francesco Scorza nel processo d’appello per il duplice omicidio di Rosellina Indrieri e della figlia Barbara De Marco, uccise il 16 febbraio 2011 a San Lorenzo del Vallo, nel Cosentino. Quella sera nell’appartamento sfregiato dai killer che sfondarono la porta d’ingresso sparando all’impazzata, c’era pure Sylas De Marco, figlio di Rosellina e fratello di Barbara, che fu ferito ma sopravvisse. Prima di cadere privo di sensi guardò negli occhi i sicari e si convinse di averli riconosciuti. Alla mattanza sfuggì pure il padre Gaetano che dormiva in un’altra stanza. Ma la sua sorte era segnata: un paio di mesi dopo cadde in un agguato. Secondo la procura le tre vittime ebbero l’unica colpa d’essere fratello, cognata e nipote di Aldo De Marco, responsabile dell’omicidio di Domenico Presta, 22 anni, figlio del temuto boss Franco Presta all’epoca latitante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi