PRIMARIE CS

Tutti i dati del primo turno nel Messinese

Il Pd di Francanotino Genovese conferma la sua "roccaforte" dello Stretto. Intanto nel centrodestra...

i candidati alle primarie PD

Messina si conferma “feudo” del gruppo legato a Francantonio Genovese. Dopo le elezioni regionali, anche dalle primarie del centrosinistra arriva un segnale inequivocabile in questa direzione. Bersani ha stravinto in tutti i principali seggi del centro città. Ancora più emblematico il dato dei voti complessivi. In città, su 13236 votanti (13162 schede valide), 8743 hanno votato Bersani (66,05%), 2497 per Renzi (18,9%), 1708 per Vendola (12,9%),114 per la Puppato (0,9%) e 100 Tabacci (0,7%). Trend analogo sul provinciale: su 31818 votanti (31757 schede valide), 20398 hanno scelto Bersani (64,23%), 7067 per Renzi (22,25%), 3749 per Vendola (11,81%), 187 per Tabacci (0,59%) e 356 per la Puppato (1,12%).

Un risultato che per la responsabile provinciale dei comitati pro-Bersani, Luciana Intilisano, non è da attribuire solo all'imponente lavoro di segreterie e circoli ma anche alla ritrovata voglia delle gente di partecipare. Primo round alle spalle, ma non senza polemiche. I “renziani” dello Stretto hanno infatti contestato alcune anomalie e rilanciano in vista del ballottaggio in programma il prossimo 2 dicembre: «Moltiplicheremo gli sforzi - ha commentato Francesco Quero, uno dei principali rappresentanti -. Saremo presenti in tutti i seggi, siamo convinti di potere raddoppiare i nostri consensi, pur avendo contro tutto l'apparato partitico».

Intanto è primarie-mania anche nel centrodestra. Sono in tanti, infatti, a proporre l'efficace strumento anche per la scelta dei candidati in vista delle prossime amministrative, ingolositi dal coinvolgimento ritrovato della gente. Sono diversi i nomi che circolano per puntare alla poltrona di primo cittadino. C'è l'autocandidatura di Pippo Isgrò, che ha dichiarato di avere votato anche alle primarie del Pd, per Matteo Renzi.  Vivamessina.com ben vista da un'area consistente del Pdl. Enzo Garofalo tra gli ex forzisti. Sulla vecchia sponda An l'idea nuova è quella di Ciccio Rella, giovane molto apprezzato anche al centro che nelle ultime provinciali ha preso voti nei collegi sud e nord, ottenendo l'elezione a palazzo dei Leoni. Si sarebbe messo in moto anche il presidente dell'Ordine degli Ingegneri, Santi Trovato. Spunti, supposizioni, soffiate. In attesa delle ufficialità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400