POLIZIA PROVINCIALE

Sindacati all'attacco dell'Amministrazione

Cgil, Cisl e Uil invocano legalità: “Ricevuto, ancora una volta, adotta atti in difformità alla normativa e ai contratti collettivi vigenti”

palazzo dei leoni

Sede della Provincia di Messina

Arriva un altro atto d’interpello dell'amministrazione provinciale a firma del Comandante della Polizia Provinciale finalizzato all’individuazione, tra il personale del Corpo e solo dei dipendenti del corpo, delle figure a cui assegnare le funzioni di Addetto al Coordinamento e Controllo.

“Il tutto – denunciano Clara Crocè della Fp Cgil, Calogero Emanuele della Cisl Fp e Giuseppe Calapai della Uil Fpl - in difformità ai vigenti regolamenti dell’Ente e alla normativa di legge”. Il riferimento è all’art. 55 del c.p.p. e art. 5 comma 1 lett. A, legge n. 65/86 che secondo i sindacati porrebbe un dubbio di legittimità e/o opportunità della procedura seguita. “Una procedura – spiegano i segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl - che impone ai rispettivi dirigenti di fare chiarezza e offrirci gli strumenti per una definizione positiva a favore di tutto il personale del Corpo, con ovvia ricaduta positiva sul funzionamento della struttura. Il mancato ripristino degli atti e la mancata revoca comporterà sicuri contenziosi ma anche malcontento tra il personale”.

I rappresentanti di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl hanno chiesto un incontro per esaminare la delicata questione, nel rispetto della norma e delle corrette relazioni sindacali “che – affermano - ormai alla
Provincia sono totalmente deteriorati”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi