Messina

Peculato, arrestato
ex commissario dei
vigili Bruzzano

Fari della Procura sulla gestione dell’auto di servizio da parte dell'ex responsabile della Sezione ambientale della polizia municipale. E' andanto in pensione il primo settembre.

aldo bruzzano

L’accusa è peculato, legata a quanto pare ad un uso improprio dell’auto di servizio, ovvero non soltanto per l’a t t i v ità istituzionale ma anche a fini privati, con parecchi spostamenti finiti nel calderone di un’inchiesta gestita sottotraccia nei mesi scorsi dalla Procura peloritana.

Aldo Bruzzano, molto noto in città, è andaqto in pensione il primo settembre scorso dopo essere stato a lungo responsabile della Sezione ambientale della polizia municipale, un ruolo molto delicato che per anni lo ha visto lavorare spesso con la magistratura, per l’attività di controllo in tutta la città del settore edilizio.

Il nome di Bruzzano nell’aprile scorso era finito nel calderone, come indagato, di un’altra clamorosa inchiesta, in questo caso gestita dalla Procura di Reggio Calabria. Al centro di quella indagine c’era l’iter di un progetto di realizzazione di un complesso residenziale nella riviera nord della città. In quel caso erano nove le persone che avevano ricevuto l’atto di conclusione delle indagini preliminari, fra cui l’ex procuratore aggiunto di Messina, Pino Siciliano (da qui la competenza a Reggio Calabria).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi