Stretto di Messina

Domani altre 12 ore
di sciopero

Scatterà domattina alle 8 un nuovo sciopero di 12 ore dei marittimi della Caronte&Tourist, il terzo in meno di un mese. A proclamarlo questa volta Cgil, Cisl, Uil e Ugl. All’astensione dal lavoro parteciperanno anche i marittimi di Fast Confsal e dell’Orsa. Come nelle precedenti occasioni, sarà garantito il servizio minimo di traghettamento sullo Stretto

caronte

Scatterà domattina alle 8 un nuovo sciopero di 12 ore dei marittimi della Caronte&Tourist, il terzo in meno di un mese. A proclamarlo questa volta Cgil, Cisl, Uil e Ugl. All’astensione dal lavoro parteciperanno anche i marittimi di Fast Confsal e dell’Orsa. Come nelle precedenti occasioni, sarà garantito il servizio minimo di traghettamento sullo Stretto.

Caronte&Tourist resta ferma sulla posizione di dover ridurre il costo del lavoro del 25 % dopo le forti perdite registrate. 

E domani ci saranno anche gli oltre 100 marittimi della Fima Fast confasl che diedero vita al primo dei tre scioperi consecutivi, riuscendo, per alcune ore, a paralizzare la navigazione delle bidirezionali. Il loro rappresentante, l’avvocato Marianna Barbaro anche oggi ha detto che non potrà mai essere accettata la proposta della società di impiegare i dipendenti in esubero sulle navi di cabotaggio, nella fattispecie le Cartour che collegano Messina con Salerno e Termini Imerese e Civitavecchia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400