lavoro

Vertenza Triscele
tanti ritardi

Il cambio di destinazione d’uso, da cui dipende il piano industriale della proprietà, è ancora fermo a Palermo. Il prefetto sollecita l’assessorato, la cassa integrazione scadrà il 31 dicembre.

triscele

Vertenza Triscele, o se volete ex Birra Messina. Le nubi si addensano all’orizzonte, la situazione di stallo è evidente. Il rischio che il 31 dicembre, quando scadrà la cassa integrazione in deroga, un baratro si apra per i 42 lavoratori rischia di essere ogni giorno più concreto. Perché allo stato attuale il cambio di destinazione d’uso dell’area di via Bonino, che avrebbe dovuto di fatto dare il via libera al nuovo piano industriale della proprietà (la famiglia Faranda) è ancora fermo a Palermo, al Cru, con tutto ciò che ne consegue. Potenza... della burocrazia, o forse sarebbe meglio dire della mala burocrazia e della scarsa politica. Se è vero, come è vero, che l’iter del cambio di destinazione d’uso risale alla ormai lontana sentenza del Tar di Catania datata 9 aprile 2009. Ovvero più di tre anni fa. Possibile? Sì. Questo vale più di ogni commento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto