Il Concorsone

Scuola, un esercito
si arma di buona volontà

Pubblicato il bando. Si riducono ulteriormente i posti a disposizione per la Sicilia: saranno 1200 e non più 1600 come annunciato. A Messina e in provincia possono accedere alle preselezioni 5.252 docenti. I dubbi di Cgil e Cisl.

Scuola, un esercito 
si arma di buona volontà

Non vi sono grosse novità rispetto a quanto già si sapeva, a parte la “sparizione” di 400 posti per la Sicilia. Dovevano essere 1600 e invece sono 1200. Impossibile fare calcoli provinciali, perché come si sa il bando è su base regionale. Nonostante ciò, volendo azzardare, così alla buona, talune proiezioni, potremmo dire che su 1200 posti
messi a concorso per le 9 province dell’Isola, in linea di massima ne restano 160 per provincia e quindi circa 80 immissioni in ruolo per il primo anno e altre 80 per il secondo
anno; sempreché la ripartizione fosse equa per ogni singolo centro, ma probabilmente le province di Catania e Palermo avranno più posti delle altre. Tuttavia, volendo assaporare l’idea che nel Messinese restassero 160 cattedre in palio, vi sono pur sempre 5.252 docenti già abilitati potenzialmente pronti a darsi battaglia per conquistarle.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400