Ennesimo commissariamento

Teatro, continua la
guerra con la Regione

I quattro componenti del Cda accusano l’assessore Tranchida di perseguire logiche politico-elettoralistiche. Il decreto sarà impugnato. È l’ultimo capitolo di una orrenda stagione che nessuno rimpiangerà.

Teatro, continua la 
guerra con la Regione

All’assessore regionale Daniele Tranchida che ormai ha deciso di commissariare l’Ente, replicano duramente i componenti rimasti in carica del consiglio di amministrazione.
«L’inarrestabile tambureggiante martellamento collegato alle vicende del nostro Teatro – scrivono Carmela David, Daniela Faranda, Carmelo Ietto e Gustavo Ricevuto –, che ha richiamato la massiccia attenzione degli organi mediatici e le ripetute proteste delle organizzazioni sindacali, ci induce a uscire dal silenzio finora volutamente osservato al fine di non incrementare le incontrollabili, divampanti polemiche venutesi a creare. Riteniamo che la misura sia colma e, nostro malgrado, desideriamo esplicitare alcune doverose puntualizzazioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi