UNIONI CIVILI

Il IV quartiere vota l'istituzione del Registro

Una decisione che impegna il consiglio comunale, competente per materia, a deliberare per l'ampliamento dei servizi alla persona

Il consiglio della IV Circoscrizione ha approvato un ordine del giorno importante sotto il profilo della tutela e dell'estensione dei diritti civili e sotto quello della lotta alla discriminazione sociale. L'organo territoriale ha votato favorevolmente per l'istituzione del Registro delle Unioni Civili nel Comune di Messina, sportello nelle circoscrizioni, e per l'adozione del regolamento conseguente. Una decisione che impegna il consiglio comunale, competente per materia, a deliberare in tal senso.

Una posizione adottata da circa novanta comuni in tutta Italia, in ultimo i comuni di Milano, Napoli e Torregrotta, e che anche a Messina estenderebbe alcuni diritti civili e sociali ai cittadini maggiorenni residenti nel nostro comune che coabitano e sono legati da "vincoli affettivi". Fattispecie definita "Unione civile" o di fatto, che lega insieme numerosissime persone, dello stesso sesso o di sesso opposto, anche nella nostra città.

Un riconoscimento non solo di principi: difatti il Comune potrebbe offrire anche alle unioni civili quei servizi alla persona (casa, servizi sociali e sanitari,asili, scuola e formazione, trasposto pubblico, politiche per giovani, genitori e anziani etc.) da cui oggi sono esclusi a priori. Servizi che per tutti, purtroppo, nel nostro comune sono deficitari e su cui il Consiglio successivamente si riserva di intervenire, per proporre all'Amministrazione un'offerta più vicina alle esigenze collettive: per tutti i cittadini, anche per le unioni civili. Contro ogni discriminazione.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi