AEROSTRETTO

Porcino: Sogas punta su Messina

Occhio a privatizzazione e concessione ventennale. Al di là dei rapporti con la palazzo dei Leoni, la società che gestisce il “Tito Minniti” guarda con grande interesse all'utenza messinese. E annuncia...

Porcino: Sogas punta su Messina
Aeroporto dello Stretto e Messina, un amore mai sbocciato. Eppure la Sogas ci prova ancora, spera di poter divenire davvero lo scalo del territorio peloritano. Geograficamente sarebbe così, a livello di servizi, innegabile, non lo è. Mettiamoci sullo sfondo le recenti incomprensioni con la Provincia guidata da Nanni Ricevuto, ultimo ente siciliano a far parte della società di gestione, e la frittata è fatta. Ma la situazione potrebbe presto cambiare. La partita si gioca sulla privatizzazione e sulla concessione ventennale del “Tito Minniti”. Procedura, quest'ultima, che nonostante gli annunci, le conferenze e la parola data dall'Enac, non è ancora ultimata. A precisarlo è la stessa Enac.

Torniamo a Messina, a quanto accaduto nell'ultimo periodo: le conferenze saltate in extremis, i dubbi sulle quote di partecipazione della Provincia, i “buchi” nella fase di ricapitalizzazione e il recente tentativo di ricucire il rapporto. «A prescindere la nostra intenzione è di parlare con l'utenza messinese, perché l'impressione è che pochi sanno quanto è stato fatto nell'ultimo anno, i servizi che l'aeroporto offre, le prospettive future», ha dichiarato il presidente di Sogas, Carlo Alberto Porcino. Ecco perché è stata convocata per il prossimo 12 ottobre (alle ore 11) una conferenza alla Camera di Commercio di Messina: «Non parleremo di pontili o di progetti futuristici, ma di cose concrete - ha detto ancora Porcino -. Forniremo informazioni di carattere generale».

L'intervista completa sull'edizione odierna della Gazzetta del Sud in edicola, nelle pagine della cronaca di Messina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400