Nel campo

Lamezia, rom ucciso dopo una maxi-rissa

Fermato presunto assassino

Lamezia, rom ucciso dopo una maxi-rissa

Salvatore Amato

Lamezia Terme

Un omicidio commesso per futili motivi. Al culmine di una maxi-rissa scoppiata nel campo rom di Lamezia Terme, per un quad rumoroso che circolava tra le baracche di Scordovillo e che avrebbe disturbato i residenti. In meno di 48 ore la Polizia di Stato e l'ufficio di Procura sono riusciti a individuare e fermare il presunto autore dell'omicidio di Luigi Berlingieri, il 51enne di etnica rom ucciso con un colpo in faccia sparato con un fucile caricato a pallettoni.

A finire nei guai è Salvatore Amato, 30enne, anch'egli residente nella baraccopoli più grande del Meridione, che era intervenuto per difendere il fratello Massimo, che stava per “soccombere” nella rissa scoppiata nella baraccopoli e che aveva coinvolto una ventina di persone. Amato avrebbe sparato ben 18 colpi, uno dei quali ha colpito a morte Berlingieri. Il 30enne è ora accusato di omicidio, detenzione e porto abusivo di arma da fuoco e ricettazione. Ieri mattina il pm Emanuela Costa ha depositato la richiesta di convalida del fermo.

Leggi l'intero articolo nell'edizione digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi